Il bitartrato di Potassio o Cremor Tartaro

|, Enologia, Non categorizzato|Il bitartrato di Potassio o Cremor Tartaro

Il bitartrato di Potassio o Cremor Tartaro

Chissà quante volte vi sarà capitato di trovare del deposito nelle bottiglie di vino e in particolare dei piccoli cristalli che assomigliano al sale grosso, infatti sono proprio dei sali: il bitartrato di potassio.

Il sale precipita, in parte, quando si altera il suo equilibrio (ad esempio abbassamenti di temperature).
Nel caso dei vini ottenuti da terreni ricchi di potassio, il sale, (tartrato acido di potassio) si forma in maggiore misura.

I cristalli (chiamati anche “diamanti del vino”) si formano soprattutto nelle bottiglie conservate a temperature inferiori a 10°C e raramente tornano a sciogliersi nella bevanda; nei vini che maturano in posizione orizzontale, i cristalli si depositano sul tappo. Ricordiamo che la presenza di cremor tartrato all’interno del vino è un indicatore che questo non ha subìto una purificazione di natura chimica.

Nelle foto che vedete i sali di bitartrato di potassio del vino rosso, si sono depositati sul fondo del vaso vinario durante l’inverno a causa delle basse temperature assumendo forme davvero meravigliose! Una delle tante piccole meraviglie che i vignaioli trovano in cantina.

Per evitare la formazione del sale si possono usare metodi chimici (sostanze colloidi stabilizzanti) o metodi fisici (abbassamenti di temperatura prima dell’imbottigliamento).

Molte aziende invece, non fanno nessun tipo di intervento, scegliendo un processo naturale e soprattutto per lasciare al massimo possibile (anche dopo la piccola precipitazione) la quantità di potassio, in quanto elemento molto utile per la salute (cuore, sangue, ecc.).

Questi cristallini non sono dannosi, e non alterano il gusto del vino, sono un sottoprodotto naturale generato dopo la fermentazione.

Potete usare un decanter per separare qualsiasi deposito che trovate nel fondo delle bottiglie.

 

Visite e degustazioni in cantina

Le porte della nostra cantina sono aperte tutti i giorni su prenotazione. Venite a trovarci per provare i nostri vini biologici, il nostro olio extre vergine di oliva, e il nostro miele naturale. Venite a conoscere la vera Maremma!
MAGGIORI INFORMAZIONI
2017-04-29T21:39:02+00:00 29 aprile 2017|curiosità, Enologia, Non categorizzato|3 Comments

3 Comments

  1. Enrico 29 aprile 2017 at 22:12 - Reply

    Quella di lasciare potassio per la salute non l’avevo ancora sentita!

    • Elisabetta Tommasoni 30 aprile 2017 at 7:57 - Reply

      Ciao Enrico, noi nei nostri vini, come puoi ben vedere dalle foto, li lasciamo depositare durante l’inverno per poi travasare il vino e lasciarli sul fondo. Il processo di precipitazione è molto lento e se l’inverno non è abbastanza rigido non avviene sufficientemente ed a volte se ne ritrovano piccole quantità in bottiglia, noi non usiamo collanti chimici che consentono la totale eliminazione. Il cremor tartaro insieme al bicarbonato viene usato come lievito naturale. Non dimentichiamo che il vino proviene dalla frutta e contiene sostanze preziose per la salute umana, come i polifenoli il resveratrolo ed anche il potassio, ma ricordiamo anche la presenza di alcol e le dosi consigliate che sono non più di due bicchieri al giorno!

  2. Rossano 6 novembre 2017 at 18:07 - Reply

    Ma è possibile comprare il tartaro?

Leave A Comment